Zoom

Current Zoom: 100%

Come resistere a satana

Il diavolo non porta subito il male ma ci tenta con cose che la nostra carne desidera, cose che ci piacciono, cercando di convincerci molto sottilmente, con la menzogna. Agisce spesso con dei credenti sinceri che, dopo i primi ardori della conversione, diventano un poco più tiepidi: sono il suo primo obiettivo, non appena rilasciano un poco di attenzione egli coglie l'occasione per entrare nella breccia. Spesso ci pentiamo di alcune cose ma non cambiamo completamente il nostro modo di agire in risposta alla volontà di Dio.


Siamo tutti ferventi per il Signore in tutte le parti della nostra vita e ci sono dei posti dove siamo più tiepidi, dove abbiamo cose che vorremmo cambiare? Si può essere cristiani, voler camminare con Gesù, ma essere tiepido! Ricordiamoci quello che Gesù fa con i tiepidi:

Apocalisse 3 :15-16 "Io conosco le tue opere: tu non sei né freddo né fervente. Oh, fossi tu pur freddo o fervente! Così, perché sei tiepido e non sei né freddo né fervente, io ti vomiterò dalla mia bocca.


Un credente tiepido non ha più la protezione del Signore e cade in preda al nemico. Ogni debolezza è utilizzata da satana! Prendiamo quindi in considerazione alcuni esempi delle opere del diavolo che facilmente si manifestano nella nostra vita, sia tra i credenti che tra l’umanità in generale.


La tentazione nell'uomo


Nell'uomo la tentazione si manifesta spesso con l’orgoglio, il desiderio di essere al primo posto, di apparire, tutto ciò che è il contrario dell'umiltà. Chi non ha detto "So come fare " e non ha chiesto a Dio prima di prendere una decisione? Preferiva la sua scelta piuttosto che quella di Dio. Oppure può essere la lussuria che conduce il credente a pensieri impuri e alla pornografia: si sa di essere nel peccato ma non si riesce a liberarsene, non si ha il coraggio di parlarne ad altri e le preghiere rimangono senza risposta. Può essere la masturbazione un giorno che si è depresso, uno sguardo pieno di desiderio rivolto verso una bella donna, ecc. Le abitudini prendono posto, il nemico comincia a sentirsi a casa e ci si allontana dalla santità cristiana.

Matteo 5 :27-28 «Voi avete udito che fu detto: "Non commettere adulterio". Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.


Non è facile essere santi! Quanti hanno la volontà e la perseveranza necessari per rimanere con successo bollenti per Gesù? Possiamo pentirci, pregare, implorare Dio e non vedere nessun cambiamento perché si deve scacciare lo spirito maligno che ha fatto dimora in modo da essere completamente liberi. Oppure bisogna avvicinarci a Dio, ma in un modo così intenso e fervente, umiliandosi e piangendo per essere in grado di vedere la liberazione operata da Gesù. Lui fa di tutto per liberarci, ma spetta a noi volerlo e mostrargli la nostra determinazione.


La tentazione per le donne


Nelle donne la tentazione comporta spesso l'avidità, il desiderio di avere le stesse cose che gli altri e la troppa importanza data all'aspetto fisico: tutte tentazioni con cui il nemico cerca di tenerci lontane da Dio. Se una donna passa più tempo a curare il suo aspetto fisico che per la sua salute spirituale, se passa piu tempo davanti allo specchi che con Dio, che è il vincitore?

1 Timoteo 2:9-10 Allo stesso modo, le donne si vestano in modo decoroso, con pudore e modestia: non di trecce e d'oro o di perle o di vesti lussuose, ma di opere buone, come si addice a donne che fanno professione di pietà.

E' anche chiesto alle donne di non essere calunniatori, maldicenti, ma è interessante notare che nel testo greco la parola che è stata tradotta con maldicente o calunnioso è "diabolos" (diavolo).

1 Timoteo 3:11 Allo stesso modo siano le donne dignitose, non maldicenti (diabolos), sobrie, fedeli in ogni cosa

Tito 2 :3-5 anche le donne anziane abbiano un comportamento conforme a santità, non siano maldicenti (diabolos) né dedite a molto vino, siano maestre nel bene, per incoraggiare le giovani ad amare i mariti, ad amare i figli, a essere sagge, caste, diligenti nei lavori domestici, buone, sottomesse ai loro mariti, perché la parola di Dio non sia disprezzata.


Nei 36 versetti del Nuovo Testamento dove la parola greca "diabolos" è utilizzata, 34 volte viene tradotta come diavolo e solo 2 volte è tradotta con maldicente o calunnioso. Coloro che hanno tradotto hanno voluto rimuovere qualcosa che può scioccare: Paolo chiede di prestare attenzione a che le donne non siano sotto l'influenza del diavolo. Pure gli uomini possono esseri influenzato dal diavolo ma si deve capire che le donne sono più facilmente, nello stesso modo come la tentazione è venuta attraverso Eva. Satana conosce la debolezza di ciascuno ed è per questo che le donne deve essere sottomesse poiché è agli uomini (che sia il padre o il marito) che è affidato il compito di guidarle e proteggerle. Che le donne prestino dunque attenzione al modo in cui parlano, senza criticare ne giudicare gli altri: in effetti, comportandosi in tal modo, non sono più sotto l'influenza di Dio ma si lasciano manipolare dal diavolo e portano conflitti e divisioni, spesso nelle loro famiglie e nel loro matrimonio.



Capire gli attacchi del diavolo


Il diavolo è sempre al lavoro cercando chi possa divorare!


Molti credenti possono lavorare con zelo per il Signore per anni e poi, un giorno, satana introduce pensieri accusatori nelle loro menti. E nello spazio di una notte sono sopraffatti dai dubbi terribili, da tentazioni inaspettate, da lussuria o da depressione. Le loro lotte sono così profonde, così strane e misteriose che questi credenti non hanno idea da dove vengono. E sono persone dal cuore puro, che camminavano nella grazia e che sono state improvvisamente sopraffatte da flussi demoniaci di confusione e disperazione.


Quanti matrimoni cristiani subiscono l’attacco del nemico? Una coppia potrebbe essersi amata per anni e poi, improvvisamente, essere immersa in una lotta orribile che non capisce. Prima questa fedele moglie diceva: "Amo quest'uomo" e, il minuto dopo, grida: "Non posso più sopportare questo uomo. Non ho nemmeno voglia di trovarmi vicino a lui". Cosa può essere se non un tentativo satanico di distruggere il matrimonio? Se non ne siamo consapevoli, si finirà con un divorzio. Se capiamo l’opera di satana, la lotta può essere superata perché si capirà che i problemi non verranno da l'altra parte ma dal nemico che sta cercando di dividerci. Questo attacco può essere superato avvicinandosi insieme a Dio e questo rinforzerà la coppia.


Come molti cristiani lottano contro la carne, contro un vicino di casa, contro una persona che ha causato loro danni e dimenticare i principi di amore e di perdono. Noi combattimento infatti non è contro sangue e carne, contro le persone, ma contro gli spiriti del male che agiscono attraverso gli stessi e con i credenti.


Efesini 6: 12 il nostro combattimento infatti non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potenze, contro i dominatori di questo mondo di tenebre, contro le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti.


Ma la maggior parte del tempo cristiani lottano contro sangue e carne, e lasciare che il nemico fa come gli pare! Amare il nostro prossimo, perdonare coloro che ci hanno ferito e lasciamoci guidare da Gesù nella nostra battaglia contro le potenze spirituali.

 

Commenti

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.