Image logo

Gesù ritorna! Sei tu pronto?

A- A A+

La Conversione a Cristo di un prete

testimonianza di Salvatore Gargiulo

 

Salvatore GargiuloNota sull'Autore:
Salvatore Gargiulo (18.07.1928 - 30.03.2008) nato a Sorrento, si è licenziato in teologia nella facoltà teologica "S. Luigi" a Posillipo nel 1951 e nello stesso anno è stato ordinato prete. E' stato in cura d'anime, ha insegnato lettere nel seminario arcivescovile di Sorrento, e religione nelle scuole statali. Ha predicato in molte chiese, e diverse volte nella cattedrale della sua diocesi.
Dopo il Concilio Vaticano II fu chiamato a far parte della Commissione diocesana per l'Arte sacra e per la Liturgia, della quale era uno studioso.

 

 

 

PREMESSA

Poiché, quanto a noi, non possiamo non parlare delle cose che abbiam vedute e udite. Atti 4:20

Mi accingo a raccontare il mio lungo cammino dall'errore al Vangelo della grazia con una grande gioia ed una profonda gratitudine a Colui che, senza alcun merito da parte mia, mi ha preso per la mano e ha diretto i passi miei, mi ha liberato dal giogo della schiavitù e mi ha condotto a sè.
Quando però penso ai ventisei anni trascorsi nella chiesa cattolica, "ho una grande tristezza e un continuo dolore nel cuor mio" (Rom. 9:2): rivedo tutti i cari amici d'un tempo, "ciechi guide di ciechi" come fui anch'io, ancora "perduti in vani ragionamenti... col cuore ottenebrato, essi che hanno mutato la gloria dell'incorruttibile Iddio in immagini simili a quelle dell'uomo corruttibile ed adorano e servono la creatura invece del Creatore..." (Rom. 1:21-25).
Queste righe non vogliono in alcun modo esprimere condanna per loro, vittime inconsapevoli di un sistema religioso costruito con grande perizia dal "principe di questo mondo". Esse sono invece un caldo invito ad investigare le Scritture, come ci sono state date da Dio attraverso i profeti e gli apostoli, non contaminate cioè dalle interpretazioni e dalle manipolazioni degli uomini, ed a lasciarsi guidare dallo Spirito di Dio verso la grazia liberatrice del Vangelo di Gesù Cristo.
Certe mie espressioni sembrano troppo dure e non consone all'attuale clima ecumenico, ma sottacere la verità non giova né all'ecumenismo né a chi è ancora prigioniero dell'errore. Chi si sentisse ferito, mi perdoni e sappia che ho inteso "contristarlo secondo Iddio".
Nei confronti dei cattolici ogni cristiano evangelico potrebbe infatti far sue le parole dell'apostolo Paolo: "Il desiderio del mio cuore e la mia preghiera a Dio per loro è che siano salvati" (Rom. 10:1).

 

ERO UN GRANDE PECCATORE

...ma ora avete ottenuto misericordia.1 Pietro 2:10

Quando testimonio che sono stato per più di ventisei anni prete cattolico romano, e che alla fine mi sono ravveduto ed ho creduto all'Evangelo, mi sento talvolta controbattere: "Il motivo di questa sua decisione sta nel fatto che lei è stato un cattivo sacerdote. Se fosse stato un buon sacerdote, avrebbe mantenuto i suoi impegni fino alla morte: il prete è sacerdote in eterno!" (vedi nota 1)
Si, è vero, dal punto di vista cattolico sono stato un cattivo sacerdote. Ma c'è di peggio. Dal punto di vista di Dio sono stato un grande peccatore! Quale membro d'una casta sacerdotale, pretendevo di essere un intermediario fra Dio e gli uomini, mentre Gesù ha dato il sacerdozio ad ogni credente (v. 1 Pietro 2:5-9). Insegnavo la devozione a Maria quale via al cielo, mentre Gesù è l'unica via (Giov. 14:6) e l'unica salvezza (Atti 4:12). Versavo alcune gocce d'acqua sulla testa d'un bambino e presumevo di farne un figlio di Dio per tutta la vita, mentre la Scrittura afferma che si diventa tali solo per il ravvedimento e la fede in Gesù Cristo (Giov. 1:12). Insegnavo a recitare il rosario ma non a leggere e ad ascoltare la Parola di Dio. Mi facevo chiamare padre (Mat. 23:9) ma ai figli che chiedevano pane, io davo pietre...

Dal punto di vista umano ed ecclesiastico avrei potuto sentirmi soddisfatto del mio stato. Ma cosa ero davanti a Dio? Nient'altro che un sepolcro imbiancato. In fondo al mio cuore sentivo un vuoto, una perenne insoddisfazione. Avvertivo la mancanza di qualcosa e ne davo la colpa alle mancanze umane della mia organizzazione religiosa, pur essendo convinto che essa fosse la vera chiesa, l'"unica depositarla della salvezza". Non mi accorgevo che ubbidendo agli uomini anziché a Dio, alle tradizioni umane anziché alla Parola, io m'ero collocato sotto la condanna divina e perciò non avevo pace. A volte durante la notte mi svegliavo di soprassalto, vedendomi già condannato all'inferno.

Ma benedetto sia il Signore, l'Iddio d'ogni consolazione, che mi ha liberato, facendomi scoprire quella verità che Egli ha rivelata con tanta chiarezza e che io non avevo mai avuta sotto gli occhi, né durante i cinque anni di studi teologici né dopo:
"Poiché è per grazia che voi siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non vien da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere, affinchè nessuno si vanti..." (Ef. 2:8-9).
Avevo posto il fondamento della mia fede su un sistema religioso creato dagli uomini, ma non avrei potuto aver pace se non in Cristo Gesù, pietra angolare e vivente (Ef. 2:19-20; 1 Pietro 2:4-10).

 

IL CAPPELLO

Prendete anche l'elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la Parola di Dio. Ef. 6:17

Ero prete da pochi mesi. Dovendo recarmi ogni mattina a dir messa nell'istituto S. Anna delle suore d'Ivrea, a Sorrento, a tre chilometri circa da casa mia, e non essendoci un servizio di autobus, m'ero comprato una bicicletta, naturalmente da donna perché più confacente alla tonaca che indossavo. La cosa giunse alle orecchie del vicario generale della diocesi, monsignor De Martino. Costui una mattina andò ad appostarsi in un angolo della piazza Tasso, all'imboccatura della strada De Maio per dove, secondo le informazioni ricevute, io avrei dovuto passare. Appena mi vide sbucare all'altro lato della strada, andò a piazzarsi in mezzo alla carreggiata, a braccia distese e, prima che gli fossi vicino, cominciò a gridare:
- Fermati! Chi ti ha dato il permesso di andare in bicicletta e "scaruso"! (cioè senza cappello)
- Ma altrove tutti i preti vanno in bicicletta, e perfino le monache, mi azzardai a dire.
- Non è vero! Il sacerdote non va in bicicletta e porta sempre il cappello in testa!
Era così indignato da non sentire gli squilli di clacson delle auto nel frattempo sopraggiunte alle sue spalle ed alle quali sbarrava il passaggio.
Rimontai in fretta sulla bicicletta e presi la fuga.

Al di là del suo grottesco, quest'episodio mi ribadiva dei principi coi quali mi sarei spesso scontrato negli anni trascorsi nell'organizzazione religiosa romana, e che avrebbero dovuto farmi capire già allora di non trovarmi in una chiesa cristiana.
Innanzi tutto il principio della "tradizione", che spaziava da queste bazzecole fino alle più grandi eresie, presentate come dogmi di fede. Era vero, nella diocesi di Sorrento nessun prete era mai andato in bicicletta e tutti finora avevano messo la propria testa sotto il nero cappellone, io avevo violata la tradizione. Nella mia vita di prete avrei sempre incontrata la tradizione, ed io stesso l'avrei difesa - sia pure in cose più serie - quale "fonte di rivelazione" alla pari con la S. Scrittura. Dovendo giustificare tante cose sulle quali tace la Parola di Dio o che sono addirittura in contrasto con essa, sarei ricorso anch'io alle parole magiche: "la sacrosanta tradizione della chiesa!"

Qualche tempo dopo monsignor De Martino, visto che persistevo nell'andare in giro "scaruso", mi disse:
- Io capisco che il cappello ti dà fastidio quando fa caldo. Lo puoi allora portare in mano, così la gente vede che ce l'hai...
Da un lato la gerarchia, dall'altro lato la "gente", i due poli dell'ipocrisia ecclesiastica. Sarebbero dovuti trascorrere diversi lustri perché io imparassi che il servitore di Dio deve mettere sulla testa l'elmo della salvezza ed avere sempre a portata di mano la spada dello Spirito, la parola del suo Signore, sulla quale soltanto ha da regolare la propria vita.
Ma il Signore lo consideravamo lontano da noi, rinchiuso in chiesa come "divino prigioniero del tabernacolo", o come un eterno bambino nelle braccia della madre. In questa faccenda, come in tantissime altre, non pensavamo che Egli pure avesse qualcosa da dirci. Al posto di Lui c'era la gerarchia, forte della sua autorità "ricevuta da Dio", e c'era la tradizione.
Da parte mia, quantunque fossi l'ultimo valvassino di questo colossale sistema feudale, io pure avrei messo in opera la mia arroganza, perfino nei confronti della Parola di Dio... sprovvista di "approvazione ecclesiastica".

 

LA BIBBIA AL ROGO

... distoglieranno le orecchie dalla verità e si volgeranno alle favole. 2 Tim. 4:4

Nel 1954 divenni parroco di Trasaella, una frazione del comune di S. Agnello. Mia preoccupazione fu quella di far osservare tutte le "leggi e le prescrizioni della chiesa". Mi piaceva che i riti sacri si svolgessero con ordine e decoro, ma non mi preoccupavo di sapere se quelli che vi partecipavano fossero "nati di nuovo", accontentandomi di una formale religiosità.

Un giorno un ragazzo mi disse che la sua famiglia possedeva una Bibbia "protestante". Ora il Codice di Diritto Canonico (libro che nel cattolicesimo ha più autorità della Bibbia stessa) prescrive chiaramente come comportarsi in un caso del genere. Ricordavo ancora che quando ero bambino avevo sentito il mio parroco parlare di una Bibbia buona e di una Bibbia che sarebbe stata falsificata dai protestanti. Il buon uomo spiegava che se ci fosse capitata per le mani una Bibbia, bisognava assicurarsi che essa nelle prime pagine recasse l'"imprimatur", cioè l'approvazione dell'autorità ecclesiastica. Mancando questa, il libro si sarebbe dovuto subito bruciare. Fu quanto fece quella famiglia, ubbidendomi. Né mi preoccupai di sostituire la Bibbia "cattiva" con una "buona" per farla leggere.

A quel tempo nella chiesa romana si parlava molto delle rivelazioni fatte dalla madonna a Fatima, in aggiunta a quelle di Lourdes. Su di esse si basava anche la mia predicazione, convinto com'ero che il mondo si sarebbe salvato ed avrebbe conosciuto un'era di pace quando fosse stato consacrato al "cuore immacolato di Maria", come era stato promesso nelle apparizioni di Fatima... (v. Gal. 1:8 e 2 Cor. 11:14). Per la salvezza del mondo io raccomandavo altresì la recita del "santo rosario". Negli inni mariani, gli unici quasi che si cantavano nelle nostre chiese, si affermava:

Andrò a vederla un dì, in cielo patria mia,
Andrò a veder Maria, mia gioia e mio amor...

Oppure:

O bella mia speranza, dolce amor mio Maria,
Tu sei la vita mia, la pace mia sei tu!

Oppure ancora:

Quando penso alla mia sorte, che son figlio di Maria,
Ogni affanno, o madre mia, s'allontana allor da me.

E tanti altri, tutti nello stesso stile. Se Maria aveva preso il posto di Dio, fino a farlo scomparire, quale importanza poteva avere la Parola di Lui?
A volte i fratelli evangelici oggi mi domandano: "Ma com'è possibile che i preti sostengano tali errori; non è molto chiara la Bibbia? Come la leggono?" E' difficile comprendere la cecità spirituale del clero cattolico, se non si tiene presente quella realtà rappresentata dai "dominatori di questo mondo di tenebre" (Ef. 6:12).
Hal Lindsey ha scritto: "Satana adora la religione. E' il suo asso di briscola per renderci ciechi alla verità. Egli è il dio di tutti quelli che non seguono Gesù Cristo. Tutti quelli che adorano in qualunque forma religiosa che non tiene primariamente conto di Cristo (o che ne tiene conto solo in apparenza, come fa il cattolicesimo romano) in definitiva si ingannano".
Potrei riferire moltissimi esempi a dimostrazione del fatto che per l'istituzione cattolica romana le espressioni così spesso ripetute nella sua liturgia a proposito della Bibbia: "parola di Dio", "parola del Signore", rimangono pura teoria.
In realtà innumerevoli dottrine di origine pagana o filosofica si sono aggiunte e poi sostituite alla sua fede biblica primitiva, dando vita ad un sincretismo filosofico-religioso, la cui espressione più caratteristica si trova nella "Summa Theologica" di Tommaso d'Aquino. Il tomismo è appunto la regola occulta della dottrina della chiesa romana ed è su di esso che si basa la formazione teologica dei preti.
Non ci sorprende quindi se ai cattolici, fin dai primi anni, s'insegna che Iddio è un padre severo, ma che vicino a Lui c'è una tenera madre che ci difende e ci protegge se ci affidiamo a lei, che i santi sono i nostri avvocati e protettori e che abbiamo bisogno della loro raccomandazione per ricevere le grazie, ecc. Di fronte ad un tale castello di ragionamenti umani e di menzogne non si può fare a meno di esclamare: "Un nemico ha fatto questo" (Mat. 13:28)!

Durante i miei cinque anni di formazione nella Facoltà teologica di Posillipo quasi mai ebbi bisogno di aprire la Bibbia. Al suo posto, per provare le famose cento tesi per la licenza in teologia, si doveva avere continuamente fra le mani l'"Enchiridion Symbolorum", più conosciuto come "il Denzinger", dal nome del suo compilatore, raccolta di documenti del "magistero infallibile della chiesa cattolica". Non imparammo a memoria una sola citazione biblica, ma in compenso centinaia di numeri del Denzinger!
Alla fine del terzo anno di teologia, con l'ordinazione al suddiaconato, ci fu messo fra le mani il breviario, una specie di "minestrone" composto di salmi e di qualche altra lettura biblica, brani di padri e dottori della chiesa, vite di santi, il tutto in latino, da recitare ogni giorno per lo spazio di un'ora e mezza circa, sotto pena di "peccato mortale". Quest'obbligo, che si assolveva in tutta fretta, spesso al termine della giornata, toglieva ogni gusto alla vera preghiera, e soprattutto il desiderio di abbeverarsi alla pura fonte della Parola di Dio.
Forse oggi si legge di più la Bibbia nelle scuole teologiche e nelle varie associazioni cattoliche. Ma, ahimè!, il più delle volte si tratta di una lettura in chiave liberale, razionalistica o politica: Bultmann s'è seduto in cattedra a fianco di Tommaso d'Aquino, ed anche questo è ecumenismo! Negli anni '60 la teoria della "demitizzazione" aveva contaminato anche me... Ma anche da quest'oltraggio alla purezza della sua Parola il Signore mi avrebbe liberato.

 

LA PAZIENZA DI DIO

... e ritenete che la pazienza del Signor nostro è per la vostra salvezza. 2 Pietro 3:15

Il Signore misericordioso ha usato una grande pazienza con me, se ha dovuto impiegare tanti anni per convincermi. Pensando a Rom. 8:28, mi accorgo che tante cose hanno cooperato al mio bene, e di esse s'è servito Iddio per guidarmi verso la luce.
Dopo un primo decennio di ottusa cecità, cominciai a provare una certa simpatia per gli evangelici. Ero convinto che essi, uscendo dalla chiesa cattolica romana, si erano allontanati dalla "pienezza della verità", ma ammiravo la loro coerenza (per sentito dire, giacché non ne avevo mai incontrati) ed il loro amore per la S. Scrittura. Li consideravo "fratelli separati" ed ogni anno organizzavo la settimana di preghiere "pro unione", per chiedere a Dio il loro ritorno, cioè il ricostituirsi di un unico gregge sotto un solo pastore (il papa!). Era la concezione romana dell'ecumenismo. Divenni anche uno zelante propagatore di una "Lega di preghiere per l'unione dei cristiani".

Ma a volte il Signore concede proprio il rovescio di quanto Gli chiediamo. Io pregavo che le "sette" protestanti ritornassero pentite alla chiesa del "vicario di Cristo", ed in risposta il Signore ne avrebbe fatto uscire anche me, facendomi trovare nei cristiani evangelici i veri fratelli in Cristo. Alleluia!
Intanto s'era svolto il Concilio Vaticano II. Per anni avevo sperato che questo evento portasse un rinnovamento evangelico nell'organizzazione romana, della quale ora vedevo tutte le carenze, anche se mi ostinavo a credere che essa fosse l'unica vera chiesa. Ma dopo tante parole e cerimonie teatrali, tutto s'era risolto in qualche cambiamento superficiale e senza conseguenze per la vita spirituale. La stessa lettura della Scrittura, fatta ora nella lingua del popolo, continuava a scendere sull'indifferenza e sull'apatia d'una massa inconvertita, presente nei luoghi di culto "perché s'è fatto sempre così", per convenienza sociale o per "soddisfare al precetto festivo". Del resto, da parte di una gerarchia non voluta da Dio, preoccupata solo di conservare i propri privilegi in base ad una presunta successione apostolica, non poteva venire alcun sostanziale rinnovamento. (vedi nota 2)
Il mio interesse per le chiese evangeliche cresceva, alimentato anche qualche trasmissione radio-televisiva, che seguivo con attenzione, ma soprattutto cominciavo a scoprire la Sacra Scrittura, anche se non la leggevo regolarmente e se subivo l'influsso delle nuove teologie.
Nell'agosto del 1975 fui a Firenze per la Settimana Liturgica Nazionale. Una mattina mi trovai a passare davanti alla libreria evangelica di via Ricasoli. Vi entrai, e dopo un poco i miei occhi caddero su un libro: "Il Cattolicesimo Romano alla Luce delle Scritture" (U.C.E.B. Roma), che acquistai.
Nella scuola media di Sorrento, dove insegnavo religione, c'era un professore di lettere, Edoardo Salmeri, che pure cercava la verità ed era deluso del cattolicesimo. Gli prestai quel libro, che lesse tutto d'un fiato; dopo un poco egli si convertiva al Signore. Per me ci vollero ancora due anni. La luce penetrava a poco a poco nella mia mente, però le eresie cattoliche cadevano l'una dopo l'altra sotto i colpi possenti della "spada dello Spirito, che è la Parola di Dio" (Ef. 6:17). Ormai ero certo che solo le chiese fedeli alla Scrittura potessero chiamarsi cristiane.

Nell'organizzazione romana io avevo "adorato e servito la creatura invece del Creatore". A parte la mariolatria ed il culto dei santi e delle "anime del purgatorio", quante volte avevo predicato sulla necessità dell'obbedienza al papa ed alle sue parole! Mi ritenevo privilegiato perché da seminarista avevo potuto inginocchiarmi davanti al "dolce Cristo in terra" e baciargli il "sacro anello". Erano gli anni in cui nel seminario e nei raduni dell'Azione Cattolica ci facevano cantare:

Bianco padre, che da Roma
Ci sei meta, luce e guida,
In ciascun di noi confida,
Su noi tutti puoi contar.
Siamo arditi dalla fede,
Siamo araldi della croce.
Al tuo cenno, alla tua voce,
Un esercito ha l'altar.

Oppure:

Sempre col papa,
fino alla morte,
Che bella sorte,
che bella sorte...

Allora conoscevo così poco Gesù da non avvertire lo stridente contrasto fra Lui, povero, perseguitato ed ucciso, ed il suo presunto vicario, capo di uno stato minuscolo ma finanziariamente e politicamente potente, onorato e protetto dai grandi di questo mondo.
Il mezzo televisivo contribuiva a rendere popolare la figura del "santo padre" (v. Mat 23:9). Anch'io restavo per ore davanti al televisore a guardare le folle "oceaniche" che venivano da tutto il mondo per guardarlo affacciarsi ad una finestra del suo palazzo, i riti pagani che si svolgevano nella basilica di S. Pietro ed i vari "pellegrinaggi di pace" compiuti da quell'uomo. Oh!, se non fosse intervenuto il Signore, ora mi troverei anch'io fra tutti quelli che vengono manipolati e preparati ad "adorare un'immagine" per bere poi del vino dell'ira di Dio (Ap. 14:9-11)!

Era la notte di Natale del 1976. M'ero seduto davanti al video per guardare la messa natalizia trasmessa dalla basilica di S. Pietro. Il rito ebbe inizio con l'antifona "Puer natus est nobis..", cantata dal coro della cappella sistina. Erano le bellissime parole di Isaia 9:5: "Un fanciullo ci è nato, un figliuolo ci è stato dato, e l'impero riposerà sulle sue spalle; sarà chiamato Consigliere ammirabile, Dio potente, Padre eterno, Principe della pace..."
Contemporaneamente nella navata centrale avanzava lentamente la sedia gestatoria sulla quale sedeva, in ricchi paludamenti, sua santità Paolo VI. Il coro cantava una profezia che si riferiva a Cristo, ma i "fedeli" applaudivano ed acclamavano non Lui, bensì un uomo. Quell'uomo sarebbe stato il polo di attrazione durante tutto il "santo sacrificio". Ancora una volta si adorava e serviva la creatura invece del Creatore.
Ma questa volta lo Spirito di Dio mi faceva percepire tutto l'orrore di quella idolatria e me ne faceva dissociare. La gente, presa da un isterico fanatismo, continuava a battere le mani; povere monache, gente di ogni razza ed età, lo guardavano estasiati; i più vicini alle transenne tendevano le braccia nel tentativo di toccarlo.
Mi alzai indignato e me ne andai a letto, pensando con riconoscenza al mio Salvatore. Alcuni mesi dopo il Padre celeste, il vero Santo Padre, mi avrebbe finalmente tirato fuori dalle tenebre di quel paganesimo.

 

VINO NUOVO IN OTRI NUOVI!

Uscite da essa, o popolo mio, affinchè non siate partecipi dei suoi peccati e non abbiate parte alle sue piaghe. Ap. 18:4

Ormai mi consideravo evangelico, ma non sapevo come e quando sarei uscito da quella "religione". La mia predicazione era diventata biblica, e pensavo di poter aiutare il cattolicesimo dal di dentro. Ma questa è una delle ultime astuzie del nemico per frenare chi ha scoperto l'Evangelo: tranquillizzarne la coscienza, suggerendogli di mettere il vino nuovo negli otri vecchi. Come poteva essere biblica la mia predica, quando parlavo circondato da idoli d'ogni forma e dimensione? La volontà di Dio è chiara: "Non vi mettete con gl'infedeli sotto un giogo che non è per voi; perché qual comunanza v'è fra la giustizia e l'iniquità? O quale comunione fra la luce e le tenebre?... E quale accordo fra il tempio di Dio e gl'idoli?... Perciò uscite di mezzo a loro e separatevene... ed io vi accoglierò" (2 Cor. 6:14-18).
Il nostro Dio non fa rattoppi su un vestito vecchio. Egli fa ogni cosa nuova (Ap. 21:5), ed a partire da Gen. 12:1 fino ad Ap. 18:4 il comando dell'Eterno è sempre quello di andar via, di uscire. Io m'indugiavo, come Lot, ma il Padre aveva già da anni preparato il piano per vincere i miei ultimi indugi.

Scrissi una lettera al vescovo per informarlo della mia conversione, Lo pregai di cancellare il mio nome dall'elenco dei suoi "sacerdoti", "avendo io deciso di ubbidire allo Spirito Santo che mi chiamava a servire Iddio in ispirito e verità nella chiesa evangelica".
Ebbi in risposta un biglietto, nel quale l'uomo si diceva pronto a volermi aiutare (!), e m'invitava a recarmi da lui (ma non dovrebbe essere il pastore ad andare in cerca della pecora smarrita?). Mi ricordava anche che l'8 luglio 1951 io avevo promesso, secondo la formula del rito, al vescovo che mi ordinava prete ed ai suoi successori "riverenza ed ubbidienza".
Ancora una volta l'uomo pretendeva di sostituirsi a Dio. Non andai da lui; era evidente che il nostro sarebbe stato un dialogo fra sordi. Questo accadeva nel mese di settembre del 1977.

Il 1° dicembre dello stesso anno io e Ruth, una ragazza evangelica svizzera, ci sposavamo civilmente nella casa comunale di Bacoli (Napoli) ed il 10 dello stesso mese con rito religioso nella suggestiva antica chiesa protestante di St. Légier, sul lago Lemano (Svizzera).
Il 6 dicembre dell'anno successivo il Signore ci donava il nostro primogenito, Ismaele (= Iddio ascolta).

 

EPILOGO

... la condurrò nel deserto, e parlerò al suo cuore. Osea 3:14

Dopo che l'Iddio vivente era intervenuto palesemente nella mia vita (anche con altri segni che sarebbe lungo narrare), seguì il tempo del deserto e della prova. Ero diventato "un estraneo ai miei fratelli, e un forestiero ai figliuoli di mia madre" (Sal. 69:8). Il Signore m'aveva fatto uscire fuori dal campo e m'invitava ad andare da Lui, portando il suo vituperio (Ebr. 13:13).
Quale compito avrei svolto nella sua vigna? Il mio ardente desiderio era quello di lavorare esclusivamente per Lui e per il suo Evangelo, che ora finalmente avrei potuto annunciare in tutta la sua purezza e integrità. Ma, guardandomi intorno, non vedevo nessuno che fosse disposto ad accompagnarmi ed a guidarmi nei primi passi, tranne la compagna che Dio m'aveva data.
Ma anche questo era nel piano di Dio, e perciò Gli rendo grazie. C'era il pericolo infatti che io, abituato com'ero stato per tanti anni a dipendere dagli uomini, dai "superiori", m'aspettassi anche adesso una soluzione da parte degli uomini. Il Padre voleva invece che io imparassi a dipendere in tutto e per tutto da Lui, a rispettare i suoi tempi, ad accordarGli piena fiducia, ed a "guardare a Gesù, autore e compitore della nostra fede" (Ebr. 12:2). Egli voleva anche mettere alla prova il nostro proposito, suggerito da Ruth già prima che ci sposassimo, di vivere per fede. Per ogni bisogno materiale Egli fu fedele ed intervenne al momento giusto. Questi due anni di deserto furono per me un periodo benedetto di tirocinio presso il grande Maestro.

In occasione della Conferenza Missionaria Europea di quel giugno del '79 io avevo potuto realizzare ciò che da tempo desideravo: il battesimo. Fui battezzato la mattina del 29 giugno, nel mare che bagna la mia terra. Fu un evento che non dimenticherò mai e che anche ora mi colma di gioia. Tanti miei ex colleghi avevano già lasciato il "sacerdozio", conservando però gli errori del cattolicesimo romano. Io ero il primo, nella mia penisola, a testimoniare che per grazia divina m'ero convertito all'Iddio vivente.

Ogni giorno che passa sono sempre più felice per la mia scelta, anzi per essere stato scelto dal nostro grande Iddio e Salvatore Cristo Gesù, e per essere stato così meravigliosamente guidato da Lui.
Il mio unico desiderio ora è che la sua Parola si spanda e sia glorificata (2 Tess. 3:11), "affinché in ogni cosa sia glorificato Iddio per mezzo di Gesù Cristo, al quale appartengono la gloria e l'impero nei secoli dei secoli. Amen." (1 Pietro, 4:11).


(Testimonianza tratta dall'opuscolo della Missione Italiana Per L'Evangelo - C.P. 1523 - Firenze)

 

(1) Chi conosce la Sacra Scrittura sa che queste parole profetiche del Salmo 110 si riferiscono al Cristo (v. Ebr. 4:6-10). Ma la chiesa cattolica romana, travisandone il senso, le applica ai suoi sacerdoti.

(2) Pastor, autore della monumentale "Storia dei Papi", ha chiamato la successione papale dall'apostolo Pietro "il più grande falso della storia".

Commenti   

0 #1 salvatore 2016-11-27 23:40
Si ma padre pio era un santo, e lui andava alla chiesa cattolica romana, si è vero i cattolici sbagliano a adorare le statue, ma una cosa buona c'è nella chiesa cattolica romana, la santa cena, il corpo di cristo, che è vivo in quel pezzo di pane, si gli evangelici sono molto preparati nella lettura della bibbia, ma io ho frequentato la chiesa cattolica e ti garantisco che quel pezzo di pane è vivente, e dio ti dona lo spirito santo, io pultroppo ho offeso dio, ho detto che è meglio il diavolo che gesù perchè il diavolo sa uccidere i maiali, e sa fare soldi, pultroppo lo offeso e dio mi ha punito con il demonio, sono al letto da 3 anni e sto malissimo, mi brucia la carne, e mi fischia l'orecchio sinistro in continuazione, i dottori mi hanno diagnosticato che ho la piscosi, ma è tutta opera di satana, con il volere di dio, scrivetemi vi aspetto, ho bisogno di aiuto, mi fa piacere se mi scrivete, ciao.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna